Sconti extra sui Buoni Spesa: lista dei supermercati aderenti

0
352

La grande distribuzione aderisce alla richiesta del Governo ed applica sconti extra sui buoni spesa.

Nell’annunciare le misure di soccorso alimentare, il presidente del Consiglio Conte aveva fatto appello alla “grande distribuzione organizzata, perché faccia un 5-10% di sconto a chi acquista con i buoni spesa” che le famiglie riceveranno dai Comuni.

Hai richiesto i buoni spesa messi a disposizione dal Governo come aiuto alle famiglie per l’emergenza coronavirus?

Se non lo hai ancora fatto leggi il nostro articolo su come fare per richiederli:

Buoni Spesa per l’emergenza coronavirusbuono spesa conte coronavirus

Se ne sei in possesso ad essi vengono aggiunti degli sconti extra direttamente dal supermercato nel quale vai a fare la spesa.

Vediamo insieme quali sono i supermercati aderenti e gli sconti extra applicati:

  • Conad: sconto extra del 10% alla cassa in aggiunta ai buoni spesa del governo;
  • Lidl: da’ piena disponibilità all’applicazione di uno sconto in aggiunta ai buoni;
  • Carrefour: sconto extra del 10% alla cassa in aggiunta ai buoni spesa del governo. Inoltre ha bloccato i prezzi di oltre 500 prodotti di uso quotidiano per 60 giorni (molto utile visto il progressivo aumentare dei prezzi di alcuni prodotti di prima necessità e scarsa reperibilità come ad esempio la farina e lo zucchero) e ha messo la consegna a domicilio gratuita per gli over 60;
  • Coop: prezzi bloccati per 2 mesi (fino al 31 maggio) su oltre 18.000 prodotti (a marchio e non) e uno sconto extra del 10% in aggiunta ai buoni spesa del governo;
  • Auchan e Simply: sconto extra del 10% in aggiunta ai buoni spesa del governo;
  • VèGèprezzi bloccati per i  prodotti di prima necessità e sconto del 10% extra alla cassa in aggiunta ai buoni spesa del governo
  • Esselunga: sconto del 15% con carte prepagate virtuali, che sono essenzialmente dei “codici” che il Comune può stampare e consegnare o inviare via email da utilizzare in aggiunta al buono spesa del governo e l’attivazione di una cassa dedicata per gli over 65, ai diversamente abili e alle donne in gravidanza.

Leggi anche: