Buoni Spesa per l’emergenza coronavirus

0
304

In questi giorni i vari Comuni si stanno organizzando per permettere a chi ne ha più bisogno di usufruire dei buoni spesa messi a disposizione dal governo.

Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta, a chi sono rivolti, e come fare per poterli utilizzare.

Il Governo, attraverso un’ordinanza della Protezione civile, ha messo a disposizione 400 milioni di euro da distribuire ai Comuni, per permettere loro di erogare buoni spesa a persone e famiglie in difficoltà.

I buoni spesa per l’emergenza coronavirus servono per l’acquisto di generi alimentari e beni di prima necessità, ogni Comune potrà regolarsi in autonomia per decidere i criteri generali per l’assegnazione dei buoni spesa.

Per conoscere le modalità adottate da ciascun Comune basta andare sul sito del proprio Comune nella sezione dedicata ai buoni spesa.

Qui di seguito trovate i link per Capoluogo di Regione:

  • Ancona (Il valore dei buoni spesa, da 20 o 50 euro l’uno, varia a seconda dei componenti il nucleo familiare, e va da 100 euro a 400 euro, fino alla possibilità di estendere a 500 euro in casi particolari. Bisognerà compilare il modulo e inviarlo a spesacovidancona@ggfgroup.it allegando la copia del documento di identità. Lo stock di buoni spesa verrà consegnato a domicilio).
  • Aosta (Bisogna chiamare lo 0165 300260, il numero è attivo dalle 9 alle 12 dal lunedì al venerdì, bisognerà descrivere la situazione familiare all’operatore il quale, se riterrà che siete in possesso dei requisiti per ottenere il buono, inoltrerà la lista dei generi alimentari richiesti alla cooperativa convenzionata, la quale provvederà a consegnarvi i prodotti a domicilio entro 24h).
  • Bologna (I buoni sono disponibili in sei valori diversi:

    – 150 euro: per nuclei unipersonali
    – 250 euro: nuclei di due persone
    – 350 euro: nuclei di 3 persone
    – 400 euro: nuclei di 4 persone
    – 500 euro: nuclei di 5 persone
    – 600 euro: nuclei di 6 o più persone.
    Bisognerà compilare il modulo di autocertificazione e spedirlo via email a buonispesa@comune.bologna.it)

  • Bari (L’amministrazione comunale ha predisposto il sistema informatico Bari ascolta, una piattaforma che permetterà agli assistenti sociali di effettuare una sorta di censimento e presa in carico di tutti cittadini che vivono un momento di difficoltà che hanno necessità di accedere agli aiuti. Una volta effettuato lo screening si potranno valutare le differenti forme di sostegno: un buono spesa determinato nella misura di 100 euro al mese per ogni componente fino ad un massimo di 400 euro al mese. Questi buoni potranno essere consegnati a domicilio dai volontari).
    aggiornamento: è attivo il form da compilare online per l’inoltro delle richieste, il form è attivo a questo link.

  • Cagliari (Bisogna chiamare il numero 070/6774000, un servizio speciale per chi ha necessità alimentari. È attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15:30 alle 17:30. Il sistema dei buoni per poter fare la spesa nei negozi convenzionati verrà attivato la prossima settimana).
    aggiornamento: Si può presentare istanza on-line entro le 20 di mercoledì 8 aprile. La priorità andrà a chi non ha già altre misure di sostegno al reddito. Il modulo da compilare è attivo a questo link.

  • Campobasso (Bisogna scaricare il modulo di proprio interesse, modulo per residenti o modulo per commercianti, e inoltrarlo ai recapiti indicati nel documento).
  • Catanzaro (Il buono spesa è un beneficio Una Tantum che sarà commisurato al numero dei componenti del nucleo familiare, per richiederlo bisogna inviare il modulo via e-mail buonispesa@comune.catanzaro.it consegnarlo presso la parrocchia più prossima alla residenza. È possibile chiedere informazioni al seguente numero: 0961.881523).
  • Firenze (I buoni spesa hanno un valore che va da un minimo di 150 euro per il nucleo monoparentale fino a oltre 500 euro per le famiglie numerose, la domanda per richiedere il sostegno alimentare può essere presentata solo on line o con supporto telefonico).
  • Genova (La domanda per ricevere i buoni spesa da 100 euro si potrà presentare da venerdì 3 alla mezzanotte di lunedì 6 aprileIl modulo di richiesta dovrà essere compilato solo online).
  • L’Aquila (I buoni spesa sono proporzionati rispetto alla consistenza del nucleo familiare secondo la seguente ripartizione:
    – nuclei monocomponente € 100,00
    – con due componenti € 200,00
    – nuclei con tre componenti € 300,00;
    – con quattro componenti € 400,00
    – nuclei con cinque o più componenti € 500,00
    Nei prossimi giorni sarà presentato l’avviso per la presentazione delle domande che saranno compilabili attraverso un’applicazione realizzata dal Sed e che sarà disponibile sul sito internet del Comune dell’Aquila).
  • Milano (Sarà possibile a partire dalla prossima settimana presentare domanda al Comune per ottenere un buono utile per le spese alimentari, il modulo per la presentazione delle richieste si troverà online sul sito del Comune di Milano, sarà anche attivo un servizio di assistenza alla compilazione telefonando allo 020202).
  • Napoli (L’ammontare del contributo sarà pari ad € 300,00 per ogni nucleo familiare, per una spesa di max € 100 a settimana, che saranno incrementati di € 20 a settimana per ogni minore da 0 a 12 mesi, bisognerà compilare il modulo online entro il 10 aprile 2020).
  • Palermo (I buoni variano da 60 a 150 euro settimanali per le famiglie del tutto prive di introito a marzo 2020, da 30 a 120 euro per le famiglie con introito a marzo 2020 fino a 400 euro e da 0 a 90 euro settimanali per le famiglie con introito a marzo 2020 compreso fra 401 e 560 euro mensili, da lunedì ripartirà la possibilità di iscriversi al portale online per richiedere il contributo).
  • Perugia (Il buono spesa di importo compreso fra un minimo di 200 euro ed un massimo di 600 euro in base al numero dei componenti il nucleo familiare ed erogato in un’unica soluzione non ripetibile, per richiederlo bisogna compilare il modulo scaricabile dal sito internet del Comune di Perugia e dovrà essere inviato a bonusspesacovid19@comune.perugia.it o tramite indirizzo Pec comune.perugia@postacert.umbria.it. Nel caso di impossibilità ad utilizzare i mezzi informatici descritti, si possono chiamare i seguenti numeri telefonici 075 5772995 – 075 5773544 – 075 5773540 – 075 5772997 – 075 5772990).
  • Potenza (Sarà possibile richiedere i Buoni Spesa Comunali dalla prossima settimana)
    aggiornamento: l’importo del buono spesa assegnato una tantum è pari a 150 euro per ciascun componente il nucleo familiare, fino ad un massimo di 700 euro. Il modulo allegato è possibile scaricarlo a questo link e va trasmesso entro il 20 aprile 2020 insieme alla copia del documento d’identità del richiedente nelle modalità di seguito indicate:- a mezzo pec al seguente indirizzo servizisociali@pec.comune.potenza.it
    – a mezzo email al seguente indirizzo: servizisociali@comune.potenza.it
  • Roma (I buoni spesa saranno erogati secondo tre fasce:- fino a 300 euro per nuclei familiari composti da 1 o 2 persone
    – fino a 400 euro per nuclei familiari composti da 3 o 4 persone
    – fino a 500 euro per nuclei familiari composti da 5 o più persone
    Bisognerà compilare il modello di domanda e inoltrarlo via email entro il 16 aprile 2020).
  • Torino (I buoni spesa sono stati suddivisi in base al numero dei componenti del nucleo familiare:
    • da 1 a 2 componenti: buono spesa di € 300;
    • 3 a 4 componenti: buono spesa di € 400;
    • da 5 o più componenti: buono spesa di € 500.

    L’erogazione avverrà attraverso la consegna di un ammontare equivalente in buoni spendibili da € 25/cadauno, che si potranno scaricare da uno specifico portale che verrà indicato con la mail di conferma. La domanda dovrà essere presentata online, Il servizio riprende domenica 5 aprile alle ore 9:00 e sarà attivo fino alle ore 12:00).
    aggiornamentoè attivo il link dove è possibile scaricare i buoni spesa richiesti.

  • Trento (Da lunedì prossimo sul sito della Provincia sarà presente un modulo che potrà essere scaricato e compilato).
    aggiornamento: al seguente link è possibile compilare la domanda per la richiesta del buono alimentare.
  • Trieste (Bisognerà inviare la domanda insieme alla foto della carta d’identità alla mail richiesta.buoni@comune.trieste.it, indicando in oggetto solo COGNOME_NOME, è importante che sia scritto prima il cognome. Gli importi dei buoni sono rapportati al numero di componenti il nucleo familiare e corrispondono a:
    • nucleo composto da 1 persona: euro 250,00
    • da 2 persone: euro 350,00
    • 3 persone: euro 450,00
    • da 4 persone: euro 550,00
    • 5 o più persone: euro 700,00
  • Venezia (Da lunedì 6 aprile il modulo per chiedere i Buoni Spesa sarà pubblicato sulla piattaforma online del Comune DiMe: sarà possibile fare richiesta fino alle ore 12 di martedì 14 aprile).
    aggiornamento: a questo link il modulo da compilare per la richiesta del buono spesa.

Questa pagina sarà in continuo aggiornamento in base alle novità riguardanti la presentazione della domanda di richiesta dei Buoni Spesa presenti sul sito dei diversi Comuni.

Leggi anche: